image-98

facebook
tavoladisegno2


+39 095-8264103

​Sede Legale: Via Pietro Carrera, 23

​E-mail: coopsociale.team@gmail.com

 

Email Formazione

segreteria@cooperativateam.it

 

News


facebook
© 2020  Cooperativa T.E.A.M. ​ 

Bullismo e cyberbullismo, rompiamo il muro del silenzio

2019-05-28 16:39

Admin

News,

Bullismo e cyberbullismo, rompiamo il muro del silenzio

Presentato oggi ai Benedettini il progetto "Non Cadere nella Rete" per contrastare il cyberbullismo

news15-1581098587.png

3 Istituti scolastici, tantissimi studenti,insegnanti e genitori, ma soprattutto un progetto che nelle sue sfaccettature enelle sue forme vuole diventare unmodello educativo e didattico dapromuovere all’interno delle scuole percontrastare il fenomeno del bullismo e del cyberbullismo.
Questo lo scenario su cui oggi 28 maggio, nell’Auditorium dell’exMonastero dei Benedettini di Catania, sono stati presentati alcuni prodottidel progetto NonCadere dalla Rete - realizzato dalla cooperativa sociale TEAM - Ti Educa A Migliorare nelle scuole e promosso dal Comune di Catania con ifondi della legge 285/95 - che ha appassionato e coinvolto centinaia di giovanicatanesi, aprendo una lente d’ingrandimento su un fenomeno, il cyberbullismo,caratterizzato da numeri in crescita, distorsione nell’utilizzo dellatecnologia e co-responsabilità della Comunità.
Un invito e un mandato preciso, quello di Giuseppe LombardoAssessore ai ServiziSociali e Politiche per la Famiglia Giuseppe Lombardo, che ha aperto lamattinata: «IlComune di Catania ha scommesso su questo progetto pensando a una suacontinuità. È importante - aggiunge - comprendere la matrice profonda di questa iniziativa, abbattere i muridell’indifferenza, del silenzio e della reticenza e che costituiscono la basesu cui nasce e si diffonde il cyberbullismo».
Il progetto Non Cadere nella Rete, realizzato negli Istituti Comprensivi Petrarcae Cavour e nel Liceo Statale Socio Psico-Pedagogico G. Lombardo Radice diCatania, ha visto operare un’equipe multidisciplinare, che con laboratori esperienziali e focus tematiciha permesso a genitori, studenti e corpo docente di confrontarsi e approfondireil fenomeno fino a descriverlo in un video. Gli studenti sono diventatiattori e sceneggiatori di cortometraggi che hanno raccontato la loro visionedel cyberbullismo e le risposte per contrastarlo con un carico emotivo chesovente faceva confondere finzione e realtà.
«La repressione non basta a sconfiggere ilcyberbullismo, serve un’azione educativa, così come abbiamo sperimentato inquesti mesi di attività, che renda tutti consapevoli e responsabili»,spiega Salvatore Litrico Presidente della cooperativa sociale TEAM.
L’utilizzo consapevole del web, le regole dibuona condotta, la prevenzione per NonCadere nella Rete sono stati elementi comuni del progetto e dellamattinata, durante la quale il cyberbullismo è stato contestualizzato nelnostro ordinamento da Maria Pia Fontana, funzionarioprofessionalità di Servizio Sociale e referente locale della formazione delMinistero della Giustizia e Vincenza Speranza, Responsabiledell’Ufficio Servizio Sociale Minorenni di Catania.
Le duespeaker hanno profilato il cyberbullismo come fenomeno sociale, che evidenziail disagio della vittima ma anche del cyberbullo e riconosce una responsabilitàprecisa alla platea che tace davanti a una violenza che viaggia sul web. Eccoche nell’immaginario dei giovani presenti oggi ai Benedettini, il web diventauna grande piazza di cui prendersi cura, dove sviluppare sane connessioni erelazioni e: "lasciar fuori la spazzatura", come ha invitato Davide Bennato,Docente di Sociologia dei media digitali all’Università degli Studi di Catania.
Ma ilsenso di questi mesi di lavoro è racchiuso nelle parole di uno studente. «All’inizio il progetto non mi avevaappassionato, poi quando ho iniziato a lavorare alla parte tecnica, ho pensatoche era bellissimo. Facciamo Rete controil Bullismo».